Tempi e Metodi Consulenze

Icon

Tempi e Metodi di Giorgio Andreani offre Esperienza e Professionalità . . . sono le piccole cose che, nel contesto controllato, se evidenziate e gestite correttamente, portano grandi risultati . . .

World Class Manufacturing WCM

Oltre il toytismo, un cammino percorribile?

Un mio piccolo contributo . . . leggendo qua e là . . . scritti di Maurizio Canauz

 

Rispetto al taylorismo e a al toytismo la filosofia produttiva che è alla base del World Class Manufacturing ha, a mio parere, un minore impatto innovativo.

Essa si basa, infatti, su alcuni approcci già noti che ne costituiscono l’ossatura, tra cui il Just in- Time (JIT), il Total Quality Management (TQM) ed il coinvolgimento dei dipendenti o Employee Involvement (EI).

Analizziamo brevemente, ad esempio, il rapporto tra Jastin – time e Word Class Manufacturing. Leggi il resto dell’articolo »

Il Toytismo

Un mio piccolo contributo . . . leggendo qua e là . . . Maurizio Canauz

Sebbene già negli anni 1970 autori quali Kern e Schumann iniziano a sostenere il superamento del taylorismo e del fordismo postulando che fosse ormai prossima la fine della divisione del lavoro, grazie soprattutto all’introduzione delle tecnologie informatiche, in realtà fu solo negli anni ‟80 che si iniziò concretamente a mettere in discussione queste forme organizzative con l’introduzione del cosiddetto modello giapponese.

Tale modello nato in Giappone è stato poi adattato, in poco tempo, da molte grandi aziende occidentali per fronteggiare le nuove sfide del mercato con la convinzione che sarebbe stato di ausilio nel migliorare: organizzazione, efficienza e produzione.

Il nucleo della teoria taylorista venne pesantemente intaccato e il suo modello fu soppiantato da una nuova teoria, almeno in apparenza, più efficace e maggiormente incentrata sull’individuo.

In altre parole si proponeva una nuova teoria, almeno in via teorica, più antropocentrica. Leggi il resto dell’articolo »

Rivoluzione Keynesiana

Un piccolo contributo . . . leggendo qua e là . . .

 John Maynard Keynes è stato un economista britannico e, come tale, viene considerato uno dei più grandi del XX secolo. I suoi contributi alla teoria economica hanno dato origine a quella che è stata definita “rivoluzione keynesiana”. Con la sua teoria, infatti, sovverte l’idea ottimistica degli economisti classici e neoclassici, che sostengono che il sistema economico capitalistico è sempre in grado di riequilibrarsi automaticamente e di garantire la massima occupazione possibile.

Egli invece afferma la necessità dell’intervento pubblico nell’economia con misure di politica fiscale e monetaria, qualora un’insufficiente domanda aggregata non riesca a garantire la piena occupazione. Leggi il resto dell’articolo »

Taylor Ford Mayo

Un piccolo contributo . . leggendo qua e là . . scritti di Maurizio Canauz

 Taylorismo e Fordismo

Questo abbinamento tra i principi di Taylor e l’applicazione fattane da Ford mi permette di sottolineare come, per quanto spesso sovrapposti, taylorismo e fordismo rappresentino due fenomeni diversi.

Il taylorismo, infatti, riguarda specificatamente l’organizzazione del lavoro, suo vero ed unico interesse di analisi e di studio, mentre il fordismo ha una influenza diretta sulla società, “esce” quindi dal cancello della fabbrica per entrare in un mondo più vasto.

 

Questo avviene sia aumentando l’offerta di prodotto spesso a prezzi più contenuti, sia aumentando i salari e quindi la possibilità di acquisto degli operai nel frattempo diventati più efficienti. Leggi il resto dell’articolo »

Henry Ford – La Catena di Montaggio

Un mio piccolo contributo . . . leggendo qua e là . . .

Henry Ford nacque a Springwells Township, Michigan, il 30 luglio 1863, da William e Mary Ford, primogenito di sei figli. Cresciuto in una prospera fattoria a conduzione familiare, venne educato in una piccola scuola con una sola aula, mostrando fin dall’inizio un precoce interesse per la meccanica. Interesse che gli permise di guadagnarsi, nel tempo, il titolo di “uno dei più grandi industriali al mondo”.

Nel 1913 Ford applicò ad Highland Park per la prima volta la “catena di montaggio”

Il concetto di catena di montaggio nasce già dai primi anni dell’800, nei cantieri della marina militare britannica, ad opera dell’ingegnere Marc Isambard Brunel.

Leggi il resto dell’articolo »

Il Taylorismo

Un piccolo contributo . . leggendo qua e là . . scritti di Maurizio Canauz

Frederick Winslow Taylor nacque nel 1856 in Pennsylvania in una famiglia agiata.

Brillante studente, inizialmente destinato agli studi presso l’università di Harvard, a causa della sua salute cagionevole, fu costretto a cercare opportunità formative alternative.

A diciotto anni nel 1874 divenne un apprendista operaio, sperimentando direttamente “sul campo” le dure condizioni delle fabbriche dell’epoca.

Con estrema determinazione riuscì ugualmente a laurearsi in ingegneria, grazie agli studi serali; i suoi interessi si concentrarono da subito sulla organizzazione aziendale.

Leggi il resto dell’articolo »

L’Organizzazione

Un piccolo contributo . .  leggendo qua e là . . scritti di Maurizio Canauz

Può essere definita un Raggruppamento Sociale intenzionalmente costituito con una struttura appropriata per il raggiungimento di fini specifici, essa nasce dall’esigenza di unificare in modo coordinato i singoli sforzi al fine di raggiungere più facilmente l’obiettivo posto.

Tale struttura organizzativa è l’espressione del principio della divisione del lavoro con un elevato grado di specializzazione produttiva;

Possiamo dire che lo Stato rappresenta la principale Organizzazione, all’interno dello Stato o parallelamente, operano altre importanti organizzazioni, quali: le Scuole, i Centri di Culto ecc. ma per quanto ci interessa, soprattutto, le Imprese.

Leggi il resto dell’articolo »

La Difficoltà del Cambiamento

  Ero giovane quando iniziai la mia avventura nel mondo del lavoro e mi resi conto quasi subito, di alcune cose: che pur      avendo avuto una buona preparazione teorica e tecnica e anche se dotato di una discreta capacità manuale, le realtà    oggettive che non sapevo erano tante.

 Sentivo termini nuovi che la scuola non mi aveva mai insegnato, perché erano termini non generici, ma legati al contesto nel  quale ero inserito.

I termini o i metodi di lavoro erano infatti legati a quel mondo; mi sono trovato a discutere con persone che altro non avevano visto, che quell’ambiente, e che di quell’ambiente tutto conoscevano.

Ho quindi imparato gli usi e i metodi in atto, senza discuterli, all’inizio, anche perché non li conoscevo.

Mano a mano che imparavo e mi ambientavo, incominciato a fare delle domante, a criticare certe dinamiche e a proporre modifiche, cercando di mettere a frutto quanto avevo imparato a scuola; a quel punto mi sono accorto che: “ogni metodo potrebbe essere migliorato, se ci fosse la disponibilità da parte di chi ha sempre fatto in quel modo, di mettersi in discussione”. Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Non è la Qualità che costa . . .

Giorgio Andreani 3

Non è la Qualità che costa . . . ma il metodo sbagliato:

Controlliamo il Metodo . . .
. . . otterremo un Miglioramento sui Tempi in Lavoro . . .
Organizziamo meglio ogni cosa . . .
. . .  la Qualità migliorerà e otterremo un Aumento della Produttività . . .
Giorgio Andreani
 

 

Tempi e Metodi – Filosofia di Denim

Giorgio Andreani

Giorgio Andreani 3  Alcuni cenni tratti da documento

  di Paolo Senni
      . . . . La produzione deve essere vista come un sistema che comprende tutti coloro che interagiscono    nell’erogazione del servizio: operatori e utenti . . .

W. E. Deming (1900 – 1993).

 
Il cliente-utente è la parte più importante del processo di erogazione del servizio, che senza di lui non ha ragione di esistere.
Le organizzazioni devono instaurare rapporti di collaborazione sia con i clienti sia con i fornitori per il miglioramento continuo del servizio offerto e per la riduzione degli errori e degli insuccessi.
Qualsiasi processo può essere visto come un ciclo che ha quattro momenti:
plan (progettare, pianificare),
do (agire, realizzare),
check (controllare) e
act (stabilizzare o correggere e riavvio del ciclo di intervento).

L’idea di ciclo non è nuova e, come si sa, proviene dalla ricerca scientifica, che utilizza lo schema ipotesi-attuazione-verifica-nuova ipotesi e, come è altrettanto noto, è insito nella natura e nelle leggi che governano il mondo.

 Deming costruì il ciclo che denominò “ruota”
partendo dalle fasi reali del processo industriale, inserendo, però alcune operazioni, che traducevano la logica della ricerca:

Ruota Deming

 

 

 

 

 

 

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Giorgio Andreani Consulenza e Servizi

Presentazione Analisi Costi 1


 

    

Tempi e Metodi – Linea di Assemblaggio Bilanciatura Postazioni

Giorgio Andreani                                                                                                            L’allestimento di una Linea di Assemblaggio è un compito importante e molto delicato. E’ sempre necessario avere le idee chiare sui numeri di Prodotto Finito che si vorranno in uscita per Turno di Lavoro e anche sul numero di Risorse che si vorranno utilizzare in Linea, nelle Postazioni predisposte.

Anche quando si è deciso sui “numeri” e quindi progettato con cura quante Postazioni e quante Risorse si vogliono utilizzare, capita spesso, per sopraggiunte nuove esigenze, di dover modificare il Ciclo di Lavorazione che comporta conseguenti variazioni delle Tempistiche, oppure, potrebbe esserci la necessità di aumentare o diminuire i Numeri in Produzione.

Se diamo per scontato, in questa fase, che ogni Postazione sia Attrezzata e  Alimentata in modo ottimale, l’unica cosa possibile per variare i Numeri in Uscita è quella di aumentare o di diminuire il Ritmo della Catena, aumentando o diminuendo in % ogni Tempo assegnato per le Attività di Ciclo che impegnano ogni Risorsa, e anche di cambiare se necessario il numero stesso delle Risorse.

Gestione e Bilanciatura della Linea di Assemblaggio

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Rilevamento dei Tempi in Lavoro Cosa significa Rilevare un Tempo Come Procedere.

di Giorgio Andreani

Una delle richieste che più mi vengono formulate quando sono contattato dai Responsabili di Produzione delle più svariate Realtà Produttive, è la seguente: < . .  abbiamo Risorse che contribuiscono alla Produzione, nel rispetto del Ciclo Imposto e vorremmo controllare se le Tempistiche assegnate possano essere considerate ottimali o se debbano essere riviste e modifiche . . vorremmo il parere di una persona esterna . .>

Perfetto, la mia formazione e preparazione, mi permette di sentirmi adatto a soddisfare il bisogno espresso e rassicuro l’interlocutore del momento che possiamo iniziare una produttiva collaborazione. Leggi il resto dell’articolo »

Tempi Metodi Analisi Costi Ciclo Lavorazione Tipo di Consulenza

Nella mia nuova veste di Responsabile della  Ditta:

“Tempi&Metodi di Giorgio Andreani”

Ricordo alcune delle Competenze Personali  che mi permettono di Offrire Servizi e Professionalità:

esperienza:      Rilevamento delle Tempistiche in Lavorazione nelle più diverse Attività, con inserimento delle Percentuali di Riposo;

esperienza:      Progettazione e Realizzazione di Software per la Gestione dei Tempi Rilevati;

esperienza:      Critica Costruttiva al Ciclo di Lavorazione in essere ed eventualmente Proposte di Modifica;   

esperienza:      Controllo delle Metodologie e Rilevamento delle Tempistiche nelle Linee di Assemblaggio;                           

esperienza:      Software Specifici per Simulazioni di Carico sulle Linee di Assemblaggio che permettono di vedere in tempo Reale la Saturazione delle Postazioni e del numero di Risorse impegnate;

esperienza:      Software Specifici per ottenere in Tempo Reale la Modifica della Suddivisione delle Operazioni per Postazione, in Conseguenza al cambiamento del numero di Risorse impegnate in Linea.

esperienza:      Software Specifici per la Gestione delle Metodologie e delle Tempistiche in Linee di Assemblaggio alimentate da Tipologie diverse di Modelli;

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi Metodi Analisi Costi Ciclo Lavorazione Gestione della Produzione

Il modo di Gestire la Produzione di Giorgio Andreani

a3In “Tempi & Metodi di Giorgio Andreani”, tutta l’esperienza e la professionalità di un Tecnico di Produzione viene offerta per migliorare la Produttività dei Reparti, nelle Medie Industrie dove vengano eseguite Lavorazioni o effettuate Movimentazioni di Ogni Genere.

Ecco il mio modo di concepire la Gestione della Produzione: i vostri Cicli di Lavorazione in uso saranno ricontrollati, (da persona esterna e quindi non “inquinata” da abitudini, ormai consolidate e quindi non più soggette a critiche); nei Cicli, verranno riviste le suddivisioni esistenti in Operazioni e Fasi; di ogni Movimentazione ne saranno rilevate le Tempistiche, utilizzando Cronometro o Videocamera, in accordo con i Responsabili Interni e anche con i Rappresentanti Sindacali; saranno anche evidenziati i T.F.C. o Tempi Fuori Controllo, che normalmente sono ignorati e che ritengo invece debbano essere tenuti in considerazione perché contribuiscono in maniera forte ad aumentare il Tempo Unitario del Prodotto; ad ogni Tipologia di Lavorazione, verrà collegato la percentuale per il Fattore Riposo che influenzerà ogni Tempistica Rilevata.

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Quali Tipologie di Persone si incontrano nei Reparti di Produzione. Come Rapportarsi con le Risorse in Lavoro.

di Giorgio Andreani

La mia attività mi porta spesso a Confronti diretti con Persone a me sconosciute, in ambienti molto diversi tra loro, ma soprattutto a contatto con gruppi di Risorse (persone) con abitudini, consolidate nel tempo e rese intoccabili anche perché, spesso, sono sottoscritte in compromessi anche di vecchia data,  tra Direttori di Stabilimento e Rappresentanze Sindacali; inoltre ogni gruppo assuefatto è composto da singoli che con le loro differenti sensibilità reagiscono e si offrono in maniera difforme alle regole in atto e in maniera ancora più diversa alle novità.

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi di Giorgio Andreani Collabora con Extraflame-Nordica

Collegamento a Nordica Extraflame

Una vita dedicata al riscaldamento.
Il gruppo La Nordica-Extraflame, rappresenta bene quello che nel nord-est Italiano è una caratteristica vincente: la passione e il duro lavoro. L’ innovazione e la ricerca costante sui prodotti, anche in un settore “tradizionale” hanno premiato il gruppo industriale con un incremento significativo della quota di mercato e di distribuzione in 20 paesi del mondo. Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi di Giorgio Andreani Collabora con Isringhausen

  

 

 

Collegamento a Isringhausen

Isringhausen è leader mondiale nello sviluppo e produzione di sistemi di sedute innovativi per veicoli commerciali e molle tecniche. I nostri prodotti sono utilizzati in camion, autobus e macchine movimento terra. 49 stabilimenti in 20 paesi formano la spina dorsale della nostra infrastruttura di produzione. Il Gruppo Aunde con il suo brand Aunde, ISRINGHAUSEN e ESTEBAN comprende 86 stabilimenti in 25 paesi.

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi di Giorgio Andreani collabora con Frimont s.p.a.

 

 

 

Collegamento a Frimont

Frimont spa offre da 50 anni il meglio della produzione di fabbricatori e macchine per il ghiaccio. Un risultato raggiunto grazie alla professionalità e alla qualità, da sempre valori guida di questa azienda.
Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Linea di Assemblaggio o di Montaggio

di Giorgio Andreani

Il termine assemblaggio deriva dall’inglese “to assemble” con il significato di mettere insieme, unire.

In Italiano conserva pienamente tali significati, e in senso più lato significa unire più parti (generalmente predisposte) per ottenere un tutt’uno omogeneo e coerente, con una propria identità fisica e funzionale.

Esempi tipici: l’assemblaggio di una lavatrice, di un computer, di un frigorifero, di un’autovettura ecc.

Quella che in inglese è una “assembly line” è per noi la classica “catena di montaggio”, tipica delle case automobilistiche; io preferisco il termine “linea dedicata” all’assemblaggio.

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – I Tempi Fuori Controllo

di Giorgio Andreani

In quale modo le Risorse contribuiscono alla fabbricazione del Prodotto?

Quanto ogni risorsa interviene direttamente nel Ciclo Produttivo?

In questo documento voglio parlare dei  Tempi Fuori Controllo, (TFC), per sottolineare quanto essi siano importanti, quindi da non sottovalutare e di come sia possibile, attraverso un utilizzo mirato dei numeri raccolti in produzione, con le Schede Macchina e le Schede Attività nei Reparti, (vedi in area Documenti del Sito), conoscerli, dividerli, elencarli e quantificarli.

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – La Riorganizzazione . . . La Via Migliore.

di Giorgio Andreani

. . . . .  Sicuramente i metodi in “uso” producono bassi costi di produzione, ma siamo sicuri che non possano essere: meglio controllati, studiati e modificati . . . . .

. . . .  è indubbio che esistano dei grossi margini di miglioramento della resa produttiva ma è indispensabile che venga superata l’amatorialità dei Responsabili nei vari settori interessati alla Produzione, attraverso lo studio scientifico del lavoro e la cooperazione tra Dirigenza Qualificata e Operai Specializzati . . . .

Leggi il resto dell’articolo »

Servizi Offerti da “Tempi e Metodi di Giorgio Andreani”

Cosa Sono e Quali Sono i Servizi Offerti.

Da qualche anno metto a disposizione le mie capacità professionali collaborando con i responsabili della produzione in diverse aziende, per migliorare i cicli produttivi ed ottimizzare il posto di lavoro nei reparti, al fine di ridurre gli sprechi e di eliminare tutti i costi non giustificati.

Alcuni dei Servizi:  Individuazione dei Centri di Costo, 

Controllo dei Centri di Lavoro

Organizzazione del Lavoro nei Centri

Controllo dei Metodi di Lavoro

Corsi di Programmazione per Macchine a Controllo Numerico

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Il Ciclo di Lavorazione

 

di Giorgio Andreani 

Ogni Realtà Produttiva è progettata per svolgere determinate attività, è quindi corredata sia con macchinari, sia con attrezzature varie, ma anche con personale più o meno qualificato (ma senz’altro specializzato, perché il più delle volte viene formato nella stessa sede di lavoro, per poter essere in grado di poter svolgere nel migliore dei modi quanto è richiesto e nel modo richiesto).

Ogni tipo di mansione può essere definita all’interno di un reparto di produzione o di montaggio, personalizzata, perché le risorse che intervengono nelle manipolazioni di quanto viene prodotto, o sono state pioniere, quindi le prime ad eseguire tipi di lavori e ne hanno le maggiori competenze o hanno nel tempo modificato alcune o quasi tutte le operazioni o i sistemi che magari inizialmente furono copiati da altri specialisti nel campo. Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Il Costo Unitario del Prodotto

di Giorgio Andreani  

Nelle mie numerose e belle esperienze, di volta in volta, con Responsabili di Produzione delle varie Ditte, nelle quali ho contribuito a Riorganizzare l’Organizzazione Interna . . una domanda mi è sempre stata fatta:

“. .  qual è il Costo Unitario del (nostro) Prodotto ? . . “

Bella domanda, ma anche, secondo me, Importante domanda!

Il Costo Unitario del Prodotto, infatti, è molto spesso “sporco” o non ben definito, perché, nella maggior parte dei casi, i responsabili, nei vari settori della Realtà Produttiva, non hanno a disposizione tutti i “Numeri” o Dati di Lavorazione del Prodotto in questione . . . . . .

Se sei interessato al mio lavoro visita . . .  : Tempi e Metodi

Tempi e Metodi – Motivi di Mancato Contributo Produttivo della Risorsa in un Turno di Lavoro

di Giorgio Andreani

. . . . una Risorsa in un turno di lavoro:                

viene retribuita   per   8 ore

contribuisce alla prod.  per  5 ore    40 m.

                                                   non produce  per  2 ore    20 m.

nelle ore di non produzione sono comprese le pause da contratto               per    0 ore    50 m.

la percentuale di tempo su 8 ore di mancata produzione è del  29.2  %.

Se vogliamo analizzare meglio i dati sopra riportati

Leggi il resto dell’articolo »

La Scheda Attività nei Reparti.

di Giorgio Andreani

La Scheda Attività nei Reparti,  intesa come supporto, cartaceo o informatico che possa raccogliere tutte le informazioni che riguardano: il tipo di attività, il tempo in cui opera nella stessa attività, i numeri relativi all’attività di ogni risorsa impegnata.

La Scheda Attività, è strettamente personale, viene consegnata dal capo reparto periodicamente, può servire con sequenza giornaliera, settimanale o mensile, in relazione ai numeri di cambio attività a cui la risorsa e normalmente interessata.

Scarica – Download  presentazione La Scheda Attività nei Reparti Ipotesi

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Non solo lavoro . . . anche Foto di Volatili del Lago di Garda

 

Germano Reale

Leggi il resto dell’articolo »

Software per Ottimizzare il Carico di Blocchi Marmo sui TIR

Il Software: ” ottimizza tir ”

è stato progettato e realizzato per dare la possibilità a coloro che nella fase di preparazione alla spedizione, debbano “combinare” tra loro, i blocchi di marmo acquistati dal Cliente in modo da sfruttare al massimo la portata del  TIR, in relazione al peso di ogni singolo Blocco di Marmo.

Se interessati potremo fissare un incontro per la Presentazione del Prodotto presso la Vostra Ditta: effettueremo con voi delle simulazioni e solo quando ogni vostro dubbio o curiosità saranno soddisfatte, sarete sicuramente in grado di decidere se quanto vi viene proposto possa essere idoneo a soddisfare le vostre esigenze.

OPPURE

Proposta 1  Scarica una Versione Gratuitadel Prodotto

La durata della Licenza sarà al   31  gennaio  2013.

Proposta 2  Acquistate           al  Costo  € 200.00   più IVA

La durata della Licenza sarà  illimitata. Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Non solo lavoro . . . anche Foto di Uccellini – Passerotti

Ultimi giorni del 2012

a Peschiera del Garda i passerotti si godono il sole.

 

 

 

 

Leggi il resto dell’articolo »

Tempi e Metodi – Contributo alla Produzione di una Risorsa Generica in un Turno di Lavoro

 

di Giorgio Andreani

. . . . . durante le mie permanenze in linee di Produzione, in varie Realtà Produttive, ho avuto modo di notare delle abitudini, consolidate, riguardo alle dinamiche di fermata per: Ristoro o Fisiologiche e di Cambio Turno che mi hanno invogliato a capire meglio quegli svolgimenti e a studiarne gli effetti sulla Produzione, sia come Tempistiche sia come Qualità.

Leggi il resto dell’articolo »

Clienti e Categorie Articoli

articoli recenti